Coppa d’Africa Costa d’Avorio-Mali: semifinale di alto livello. Probabili formazioni e pronostico

Sarà una delle gare tecnicamente più entusiasmanti delle ultime manifestazioni nel continente nero. Ma prima di raccontarvi le sensazioni di ciò che accadrà in questa splendida gara, è doveroso mandare un abbraccio e il nostro sostegno alle numerose vittime morte in Egitto in seguito agli incidenti di Port Said. Non dimentichiamolo mai, il calcio deve essere spettacolo, gioia, passione, ma mai un teatro di guerra e violenza gratuita, come purtroppo spesso ci è capitato di documentare. Parlando delle due compagini africane, invece la voglia di una finale in questa Coppa d’Africa 2012 è tanta.

QUI COSTA D’AVORIO – E’ più un dovere, avendo un organico di livello assoluto, che un desiderio portare a casa questa coppa per gli elefanti africani, guidati da uno strepitoso Drogba, con tutta probabilità calciatore più forte che questa nazionale abbia mai avuto. Sia nel girone sia ai quarti la Costa d’Avorio ha avuto sempre più sicurezza e capacità di dimostrare, nonostante le cocenti delusioni degli ultimi anni, che può vincere e sfatare il tabù che la vuole eterna promessa mai concreta.

QUI MALI – Riguardo al Mali di Giresse, che ha contribuito dopo aver convinto l’ormai “catalano” Keyta  a tornare a giocare per la sua nazionale, si può dire che è una squadra molto giovane con ben venti elementi sotto i trent’anni. Mai vincitori in coppa d’Africa i maliani hanno una grande possibilità, battendo gli elefanti ivoriani il titolo non sarebbe più un sogno, ma una realtà assoluta.

PRONOSTICO – Provate a puntare sugli elefanti 1, ma da non disdegnare nemmeno il GOL cui spesso il Mali ci ha abituato.

PROBABILI FORMAZIONI:

COSTA D’AVORIO: Barry, Lolo, K Toure, Bamba, Boka, Gosso, Zokora, Tiote, Keita, Drogba, Gervinho.

MALI: Diakite; Coulibaly, Tamboura, Berthe, Kante; A Traore, Keita, Kone, M Traore; Maiga, Diabate.

La presentazione dell’altra semifinale tra Zambia e Ghana

Il calendario della Coppa d’Africa 2012

*Articolo scritto da Claudio Battiato

Rispondi