Nella giornata di sabato è andata in scena la seconda giornata del primo turno di World Group. Sotto 2-0 al termine della giornata inaugurale per le sconfitte in singolare di Andreas Seppi e Simone Bolelli, gli azzurri di capitan Corrado Barazzutti si sono arresi anche nel doppio: Daniele Bracciali e Potito starace hanno subito la netta superiorità della formazione di casa, formata da Tomas Berdych e Radek Stepanek. Ma andiamo a vedere le altre sfide di Davis:

SPAGNA – KAZAKHISTAN   3-0

La Spagna campione in carica, orfana dei suoi big Rafael Nadal e David Ferrer, non risente affatto delle grandi assenze e sbriga la “pratica” Kazakhistan in appena due giornate sulla terra rossa di Oviedo (indoor). Dopo le vittorie nei primi due singolari di Juan Carlos Ferrero su Mikhail Kukushkin e Nicolas Almagro su Andrey Golubev, a conquistare il punto decisivo Marcel Granollers e Marc Lopez, che nel doppio di sabato hanno lasciato appena 6 giochi a Korolev e Schukin.

USA – SVIZZERA      3-0

Roger Federer che liscia un semplice rovescio, regalando il match-point alla coppia americana: questa l’immagine di ciò che è stato un vero e proprio incubo per gli elvetici, andato in scena questo weekend a Friburgo. Sembrava dovesse essere solo l’inizio di un cammino vincente per Federer, tornato a disputare un incontro di primo turno di Davis per la prima volta dopo ben 8 anni. E invece dopo due giorni l’avventura degli elvetici è già finita: gli Stati Uniti di Jim Courier rifilano alla Svizzera un pesantissimo 3 a 0, grazie alla splendida prova di Mardy Fish e Mike Bryan, vincitori nel doppio per 4-6 6-3 6-3 6-3. Ora la Svizzera dovrà disputare lo spareggio per tornare nel main group. Un Federer deluso commenta così: “al nostro prossimo round di settembre, in linea di massima dovrei esserci, ma è da verificare cosa possa succedere da oggi ad allora”.  Roger, sconfitto a sorpresa da Isner in singolare, ha riconosciuto i meriti degli avversari: “Loro sono stati più forti di noi durante tutto il weekend e dobbiamo prenderne atto” . “La scelta di giocare sulla terra al coperto è stata obbligata, ma a Friburgo siamo in altura e la palla rimbalza molto alta e rende tutto più complicato. Forse sarebbe stato preferibile giocare in una superficie diversa”.

GERMANIA – ARGENTINA    0-3

Accede ai quarti di finale anche l’Argentina, una delle grandi favorite di questa edizione: dopo il doppio vantaggio conquistato sulla Germania a Bamberg (terra, indoor) grazie alle prestazioni in singolare di Juan Monaco e David Nalbandian, la formazione sudamericana ha conquistato il terzo punto in doppio, grazie alla grande rimonta operata da David Nalbandian ed Eduardo Schwank, bravi a rimontare due set di svantaggio al duo tedesco formato da Philipp Petzschner e Tommy Haas, al ritorno in Davis dopo 7 anni di assenza.

SVEZIA – SERBIA   1-2

A Nis i padroni di casa orfani di Djokovic avevano dominato i primi due singolari contro la Svezia, priva del suo leader Robin Soderling, grazie a Janko Tipsarevic e Victor Troicki: Tipsarevic aveva conquistato il punto dell’1-0 superando Filip Prpic per 6-3 6-3 6-4,  subito dopo Victor Troicki si era imposto sul modesto Michael Ryderstedt per 6-4 6-3 5-7 6-3 . Ma la Svezia è riuscita ad allungare alla terza giornata la sfida: così come era successo lo scorso luglio, gli svedesi riescono ad accorciare le distanze e a portare a casa quello che probabilmente sarà il punto della bandiera grazie a Johan Brunstrom e Robert Lindstedt che hanno sconfitto 10-8 al quinto set Janko Tipsarevic e Nenad Zimonjic.

RUSSIA – AUSTRIA    1-2

Come la Svezia, anche la Russia riesce a reagire ad una situazione praticamente già segnata: Nikolay Davydenko e Mikhail Youzhny, grandi esclusi della prima giornata, dimezzano le distanze battendo Oliver Marach e Alexander Peya con il punteggio di 76(1) 67(7) 75 36 64. A questo punto il capitano russo Tarpischev dovrà decidere se confermare domani in singolare Bogomolov e Kunitsyn, o affidarsi all’esperienza di Davydenko e Youzhny per tentare una rimonta assolutamente complicata.

GIAPPONE – CROAZIA   1-2

Nella prima giornata la situazione fra il Giappone, tornato in Prima Divisione dopo ben 27 anni, e la Croazia era di parità : nel primo singolare il sorprendente nipponico Go Soeda, n.90 del mondo, aveva piegato in rimonta per 6-7 (3) 3-6 6-4 6-3 7-5 Ivan Dodig (n.55 Atp), ma poi il gigante Ivo Karlovic aveva pareggiato i conti liquidando per 6-4 6-4 6-3 il numero uno locale Kei Nishikori, n.20 del ranking. Nella notte Ivan Dodig ed Ivo Karlovic si sono aggiudicati il doppio contro Tatsuma Ito e Yuichi Sugita, regalando alla Croazia il punto del 2-1. La coppia slava ha fatto valere la maggiore predisposizione alla specialità di coppia, imponendosi in quattro set con il punteggio di 64 64 36 63. Per il Giappone, tornato nel World Group dopo 27 anni, ora si fa davvero dura:  anche se Nishikori dovesse riportare il suo paese in parità, la Croazia partirebbe nettamente favorita nel quinto match tra Karlovic e Soeda.

FRANCIA – CANADA  2-1

La Francia, nazione con grande tradizione in Davis, è volata in Canada per la trasferta di Davis. Nella prima giornata avevamo assistito alla facile vittoria di Jo-Wilfried Tsonga su Vasek Pospisil per 6-1 6-3 6-3 mentre nel secondo singolare giovane Milos Raonic, numero 29 del mondo, aveva liquidato il veterano Julien Benneteau per 6-2 6-4 7-5. I transalpini, che possono contare sicuramente su una squadra maggiormente omogenea rispetto a quella canadese, si sono aggiundicati il punto del doppio, grazie alla coppia Benneteau/Llodra che ha avuto la meglio su Nestor/Raonic 6-7(1) 6-7(2) 3-6.

Il tabellone di Coppa Davis

*Articolo scritto da Claudio Lucherini

Comments

comments

Tags

 

Biografia dell'autore

Chi fosse interessato a collaborare o chi volesse mettere la propria pubblicità sul nostro sito ci può contattare al seguente indirizzo: redazione@teladoiolamerica.net Segui teladoiolamerica

0 Commenti

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Scrivi un Commento