F1 nuova Ferrari 2014: a margine della presentazione della F14-T, prendono la parola tutti i principali attori della scuderia di Maranello, per dire la loro sulla nuova monoposto e sul Mondiale che verrà

Fernando Alonso, Stefano Domenicali e Kimi Raikkonen in posa, vicino alla F14-T

Fernando Alonso, Stefano Domenicali e Kimi Raikkonen in posa, vicino alla F14-T (fonte foto: f1passion.it)

F1 nuova Ferrari 2014. Subito dopo aver tolto i veli alla nuova nata di Maranello, il presidente Montezemolo, i piloti e i tecnici si sono concessi a delle interviste: l’imperativo è uno solo, tornare a vincere!

 

GRANDE PROMOZIONE PER I LETTORI DI TELADOIOLAMERICA.NET, ISCRIVETEVI SU William Hill, CARICATE UN MINIMO DI 25 EURO E OTTENETE IL BONUS (TUTTO DA SCOPRIRE) PER SCOMMETTERE E VINCERE SU TUTTE LE SFIDE DI OGGI

 

Luca Cordero di Montezemolo, alla guida della Ferrari dal 1991

Luca Cordero di Montezemolo, alla guida della Ferrari dal 1991 (fonte foto: f1passion.it)

Montezemolo “Sono stufo di arrivare secondo” – Partiamo dalle parole di Luca Cordero di Montezemolo, che esordisce lodando l’operato di James Allison: “Faccio un grande affidamento sul nuovo direttore tecnico James Allison e faccio molto affidamento sul grande lavoro in questi mesi di tutto il gruppo dei motori, per fare un motore che non è solo un motore, ma un sistema intorno al motore, molto difficile e molto complicato. Domenicali ha molto rinnovato la squadra e sono convinto che ci siano tutte le condizioni per far bene”. Il Presidente ribadisce che, per la Ferrari, è ora di tornare a primeggiare: “Sono stufo e siamo stufi di arrivare secondi, anche se noi siamo l’unica squadra forse al mondo che quando arriva seconda è considerata una sconfitta. Io ho chiesto ai miei di mettercela tutta e ho molta fiducia. Detto questo, aspettiamo le prime prove. Quando ci sono regolamenti completamente nuovi bisogna aspettare le prime gare per avere un vero quadro della situazione, però io sono convinto che si vedranno già nelle prossime settimane i veri valori in campo e vorrei una Ferrari che fosse ai massimi livelli”.

 


 

Visuale dall'alto del casco di Fernando Alonso per la stagione 2014

Visuale dall’alto del casco di Fernando Alonso per la stagione 2014 (fonte foto: f1passion.it)

Alonso “Spero di imitare Schumi, che vinse al 5° anno in Ferrari” – Sicuramente ho passato già un po’ di anni in Ferrari, abbiamo avuto qualche opportunità soprattutto nel 2010-2012 e quindi speriamo che quest’anno si riproponga la possibilità. Ci sono stati dei cambiamenti quest’anno che sicuramente comporteranno anche dei cambiamenti negli stili di guida. Ci sono delle regole, anch’esse diverse, e siamo tutti un po’ curiosi di vedere come sarà questa nuova Formula 1, lo scopriremo tra poco”, sono le prime parole dell’asturiano, che spera di emulare il Kaiser: “Mi pare che Schumacher abbia vinto al quinto anno con la Ferrari. Io sono al quinto anno, quindi spero di ripetere qualcuno dei successi che ha ottenuto”. Pensiero finale sul suo nuovo team-mate, Kimi Raikkonen: “Siamo la miglior coppia di piloti? Penso sia tutto da vedere. Come squadra penso che siamo forti, sia Kimi che io abbiamo avuto un successo iridato in Formula 1 in passato, però tutte le stagioni si parte da zero ed è tutto da dimostrare. Perciò se faremo bene saremo una grande squadra e un team molto forte, se non faremo tutto perfetto un’altra squadra sarà più forte. Tocca a noi adesso fare il meglio possibile”.

 

 

Vista laterale del casco 2014 di Kimi Raikkonen, al ritorno in Ferrari dopo l'addio del 2009

Vista laterale del casco 2014 di Kimi Raikkonen, al ritorno in Ferrari dopo l’addio del 2009 (fonte foto: f1passion.it)

Raikkonen “Sono qui per il titolo, siamo il team più forte” – Prima di tutto, il finlandese esprime la sua felicità per il ritorno in “Rosso”: “È bello essere tornato in Ferrari, la squadra con cui ho vinto il titolo mondiale nel 2007,faremo del nostro meglio insieme e proveremo a vincere in gara ma soprattutto il mondiale. Il tempo ci dirà se avremo ragione, ma sono qui per la vittoria più grande, il titolo”. Kimi si dimostra molto convinto dei mezzi della scuderia, dei suoi e di Fernando: “Siamo la squadra più forte, dobbiamo esserlo, abbiamo davanti a noi un grande lavoro. Entrambi vogliamo vincere vedremo cosa succederà ma vogliamo riportare il mondiale alla Ferrari. Ci saranno tante novità e nuove regole ma quello a cui aspiriamo tutti sono i risultati. Penso che saremo abbastanza veloci per combattere per il titolo”.

 

Stefano Domenicali, Direttore della Gestione Sportiva della Ferrari

Stefano Domenicali, Direttore della Gestione Sportiva della Ferrari (fonte foto: sportlover.it)

Domenicali “Le nuove regole sono una grande opportunità” – Parla a tutto tondo il Direttore della Gestione Sportiva, focalizzandosi sui forti cambiamenti regolamentari che caratterizzeranno il 2014: “Mai come quest’anno dopo tantissimi anni di Formula 1 c’è un’opportunità straordinaria che la nostra direzione tecnica deve cogliere“, ha esordito Domenicali. “Un cambiamento regolamentare così importante era davvero da tantissimo tempo che non si vedeva nel nostro mondo delle corse e come tale è un’opportunità che va colta anche se siamo consci delle grandi difficoltà soprattutto a inizio stagione che questa novità soprattutto sul power training possono portarsi dietro. Sarà un’opportunità per  i tifosi che ci guardano per capire come l’aspetto dell’efficienza della benzina e dell’utilizzo in gara debba essere sfruttato Quindi un elemento in più per chi ha gli strumenti e le persone migliori per emergere”. Nell’eventualità che le cose, in avvio, non andassero nel verso giusto, Domenicali predica calma: “L’errore che non dobbiamo commettere è all’inizio di cedere alle pressioni che saranno tante. Di entrare in un panico sportivo se come mi aspetto nelle prime giornate di test ci saranno delle difficoltà da affrontare come avranno tutti, questo è l’unico errore che pretendo dai miei uomini che non si faccia, cioè lasciarsi trasportare dall’emotività che non ti fa lavorare bene in una fase che soprattutto all’inizio credo debba fare la differenza”.

 

James Allison, ingegnere inglese, attuale Direttore Tecnico della Ferrari

James Allison, ingegnere inglese, attuale Direttore Tecnico della Ferrari (fonte foto: f1passion.it)

Allison “L’aerodinamica conterà ancora più del motore” – Queste le parole dell’uomo a cui la Ferrari ha affidato la progettazione della nuova vettura: “Quest’anno sicuramente il livello di potenza dei vari motori sulla griglia sarà diverso rispetto agli anni recenti, ci sarà più differenza in termini di potenza. Ma se mi chiedete se questo diventerà quello che farà la differenza tra le macchine direi di no, sarà più importante il livello di sviluppo aerodinamico, sarà ancora importante quest’anno“, ha dichiarato Allison. “Le regole lì sono nuove e lo sviluppo della macchina sarà molto veloce, troveremo carico a ogni gara. Però direi che la cosa più importante anche più dello sviluppo aerodinamico è il livello di affidabilità che quest’anno è una sfida incredibile”. L’inglese rende anche merito alla riorganizzazione avviata tempo fa dalla scuderia italiana: “In Formula 1 è sempre una lotta per livello di risorse, infrastrutture, investimento ma siamo fortunati che nei mesi recenti Ferrari ha fatto un investimento enorme nell’azienda e io sono fortunato ad essere arrivato a questo punto del ciclo: abbiamo gli strumenti per lavorare in modo buono e ora la cosa importante per noi è di usare questo investimento in modo furbo per sfruttare al massimo la potenza della macchina”.

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui nostri pronostici, le probabili formazioni di Serie A, Serie B, calcio internazionale, tennis, Basket, Sport Usa? Ecco la nostra pagina facebook!

Segui @Teladoiolamerica su Twitter e interagisci con la redazione!

 

 

Articolo a cura di Gianluca Zippo

Comments

comments

Tags

 

Biografia dell'autore

0 Commenti

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Scrivi un Commento